L'ALLEGRIA DEL CORPO INSORGENTE

L’ALLEGRIA DEL CORPO INSORGENTE

Laboratorio di cabaret postporno: come trasformare un campo di battaglia in un campo giochi

La memoria dei nostri corpi è fatta di parole e segni.

Parole che ci hanno segnate, aprendo con gioia o chiudendo con schianto percorsi vitali, avventure, realizzazioni di noi stesse.

Segni che ci sono rimasti addosso a ricordarci sofferenze, mutamenti, il prezzo della nostra libertá.

Di queste memorie vogliamo riappropriarci, con l’arma dell’ironia ne faremo spettacolo, mettendo in scena la paura e il coraggio che ci hanno fatto diventare quello che siamo.

Zarra Bonheur – collettivo transnazionale di ricerca e produzione artistica – propone un’esperienza di creazione condivisa e varietá diy basata nella rilettura del corpo come testo e nella sperimentazione performativa multimediale.

Due giornate di autonarrazione, confronto e invenzione tese alla realizzazione di un cabaret collettivo composto da numeri comici, drammatici e tragicomici che attraverso diversi media (musica, foto, video, danza) raccontino le storie dei nostri corpi e le loro traiettorie di liberazione.

Chiederemo a ogni persona partecipante di raccogliere previamente idee e materiali utili che rielaboreremo insieme per costruire i momenti performativi che comporranno il cabaret.

Lavoreremo sull’empatia come forza trainante per rendere il palcoscenico uno spazio attraversabile, quasi conviviale, potenziando le competenze di ogni persona e fornendone di nuove. Stimoleremo il contatto e la complicitá tra i corpi valorizzando affinitá e divergenze, per rappresentare il piú ampio spettro possibile di riscatto dall’oppressione sui corpi che viviamo come soggetti fuori dalla norma (o scomodi al suo interno).